was successfully added to your cart.

La storia del ristorante

By 28/08/2017news

LA STORIA DEL RISTORANTE:

UNA TRADIZIONE DI FAMIGLIA DA OLTRE 40 ANNI

Il Ristorante Dai Gelosi agli inizi era un alimentari, bar e bottega di paese. Poi, con il passare del tempo e l’apertura di grandi supermercati nella zona, la bottega è stata chiusa ed è rimasto il bar, a cui si è aggiunta in seguito una trattoria.

A quel tempo, nel 1975, il papà, Rino Gelosi, aveva circa 25 coperti e già allora la gestione era di tipo familiare, luogo di incontro per la popolazione del paese. Dopodiché, quando i quattro figli di Rino sono cresciuti, uno alla volta si sono inseriti nell’attività di famiglia.

Il ristorante ha conosciuto varie fasi di ampliamento: inizialmente, nell’anno 1990, con l’aggiunta di due sale, e nel 2002 con altre due sale, raggiungendo così la configurazione attuale.

Oggi la famiglia Gelosi mantiene la conduzione familiare del ristorante e tutti e quattro i fratelli lavorano ancora assieme, con la mamma, ciascuno impegnato nelle proprie mansioni pur sviluppando una forte sinergia.

Pietro Giuseppe si occupa di gestione del personale, contabilità, accoglienza e pubbliche relazioni e mantiene i rapporti con la clientela. Fabrizio, sommelier, è responsabile della cantina, degli acquisti e lavora in cucina, dedicandosi principalmente alla carne allo spiedo. Paolo, il fratello maggiore, è cuoco ed è impegnato in particolare nella cottura delle carni alla griglia. Leonardo, per tutti “Mastro Pasta”, si occupa invece di antipasti, cottura della pasta e dei primi piatti.

La mamma Cecilia dà ancora un grande aiuto in cucina, continuando a trasmettere la passione a tutta la famiglia e alle nuove generazioni; si prende cura della merce in arrivo, del lavaggio delle verdure e della pulizia generale dell’ambiente.

Se ai suoi albori, nel 1975, il ristorante aveva 25 coperti, ora con l’attuale configurazione conta circa 500 coperti. E, con l’inserimento nello staff delle nuove generazioni di figli e nipoti, la tradizione di famiglia del Ristorante Dai Gelosi verrà mantenuta, come già avviene da oltre 40 anni.

THE RESTAURANT HISTORY:

A FAMILY TRADITION FOR OVER 40 YEARS

Dai Gelosi Restaurant was at the beginning a grocery, bar and country shop. Then, with the passing of time and the opening of large supermarkets in the area, the shop was closed while the bar remained, to which an eating house was later added.

In 1975 the father – Rino Gelosi – had about 25 seats and also at that time the restaurant was family-run and a meeting place for the people of the village. Afterwards, when the four sons of Rino grew up, one at a time they joined the family activity.

The restaurant has experienced several stages of expansion: initially, in 1990, by adding two rooms, and in 2002 with the addition of two more rooms, thus reaching the current configuration.

Today the Gelosi family maintain the family tradition and all four brothers still work together with their mother in the restaurant, each engaged in their own duties while developing a strong synergy.

Pietro Giuseppe deals with HR management, accounting, hospitality and public relations and maintains relationships with customers. Fabrizio, sommelier, is responsible for the wine cellar, purchases and works in the kitchen, handling mainly skewer meat. Paolo, the older brother, is a chef and in particular he takes care of the cooking of grilled meat. Leonardo, whose nickname is “The Pasta Master”, deals instead with starters, cooking of pasta and first courses.

The mom, Cecilia, still gives great help in the kitchen, continuing to pass on her passion to the whole family and to the new generations. She takes care of the goods coming in, the washing of the vegetables and the general cleanliness of the restaurant.

If in its early days – in 1975 – the restaurant had only 25 seats, now with the current configuration it has about 500 seats. And with the inclusion of the new generations of children and grandchildren, the family tradition of Dai Gelosi Restaurant will be maintained, as it has been for more than 40 years.

Leave a Reply